Gianvito-Tracquilio-Performance-life-coach-public-speaking

4 Coaching : le 5 regole

da non dimenticare mai, se vuoi realmente diventare protagonista della tua vita.

Sono 5 le regole del coaching quando decidi di iniziare un percorso sul tuo cambiamento.

Devi farle tue queste 5 semplici regole e poi dovrai applicare nella tua vita quotidiana se desideri un reale cambiamento nella tua vita personale e professionale.

Sono 5 regole che ho fatto mie dopo una lunga esperienza in azienda da dipendente prima e libero professionista dal 2012, regole che oggi sono i pilastri portanti e fondamentali all’interno del mio percorso “diventa protagonista della tua vita”.

Sfido chiunque stia leggendo questo post o guardando il video a pensare alle tante volte che abbiamo iniziato una qualsiasi attività, convinti del nostro agire e armato di buone intenzioni per poi, dopo un poco di tempo abbandonare i buoni intenti.

Intenti che possiamo riscontrare nel life coaching quanto nel Business coaching, sopratutto quando siamo chiamati a motivare e gestire team di lavoro e raggiungere obiettivi di successo.

Regola n° 1

Non conta quel che sai, conta quel che fai. l’importante è fare scelte sane, pensate, ragionate e condivise.

Mai iniziare un qualsiasi percorso se poi, con gli strumenti acquisiti non li utilizzi e non li metti in pratica. Quella è la tua cassetta degli attrezzi e devi farne buon uso.

Quante volte iniziamo qualche osa armati di ottimi propositi e in meno che non si dica questi cadono come tetti di paglia al vento?

Regola n° 2

Vuoi realmente l’evoluzione che migliorerà la tua vita personale e professionale? devi sudare!

Se aspetti il coach ti dia suggerimenti e consigli su cosa fare e come farlo, da qui all’eternità non farai altro che spendere soldi ciclicamente inutilmente; potresti risparmiarli per farti un bel viaggio dove ti assicuro, ti rilasseresti di più.

Non è la fortuna che gira, l’artefice del tuo destino rimani sempre solo e unicamente tu e ti assicuro che di risorse ne hai tantissime. Se metterai in pratica le prime 2 regole sarai ad un buon punto.

Regola n° 3

Gutta Cavata Lapidem, goccia che scava nella roccia. Nel momento che hai preso il ritmo ed iniziai ad utilizzare la tua cassetta degli attrezzi, mantieni quel ritmo, con costanza.

Le 5 regole che applicherai, settimana dopo settimana ti permetteranno di accorciare le distanze tra il tuo dire ed il fare, regalandoti così uno spazio | tempo prezioso per prenderti cura di te stesso, delle persone alle quali tieni, alle tue passioni, i tuoi momenti di relax, un momento per rigenerarti.

Regola n° 4

Ognuno di noi è una corda composta da una miriade di sottilissimi fili.

Da soli questi fili sono fragili, non reggerebbero un pezzo di pane, figuriamoci il peso di un senso di colpa inutile. Quando tu applichi la regola n° 3, nel tempo quella corda si irrobustisce, diventa solida.

È il risultato delle tue esperienze, la qualità dei nostri legami e delle nostre relazioni.

Sono i nostri valori, il nostro atteggiamento nei riguardi del mondo. Più sono chiari e solidi questi elementi e più sosterranno il peso dei momenti infelici che arrivano nella vita.

Anche i momenti infelici sono utilissimi, funzionali ed inevitabili, non illuderti di andare oltre, di passarci sopra e non viverli.

In un percorso di coaching il compito del coach è quello di farti ascoltare il tuo sentire emotivo anche nei momenti di tempesta da altre prospettive per aiutarti a trovare sempre soluzioni alternative che generino poi benessere.

Regola n° 5

Siamo arrivati all’ultima delle 5 regole del coaching.

Impara ad assaporare ogni momento di ogni tuo percorso. Incontrerai momenti felici che ti aiuteranno e ti motiveranno superare diversi ostacoli durante il cammini

Incontrerai momenti sfidanti dai quali potrai ottenere nuove consapevolezze e risorse.

Molte occasioni dolorose talvolta sono foriere di molteplici evoluzioni e cambiamenti positivi.

Qualcuna di queste regole ha fatto risuonare qualche cosa dentro di te?

Se si, contattami tramite il form di accesso alla chiamata gratuita.

Lo compili, io lo ricevo ed inizio a prendere alcune informazioni sul tuo nodo da sciogliere, così che al nostro incontro potremmo capire se i miei personali strumenti di coaching possono essere compatibili ed utili per il tuo reale desiderio di cambiamento.

Fatti questo regalo, te lo meriti, anche perché se sei stufo di come vanno le cose e le vuoi fare andare diversamente, l’unico che può cambiare lo stato dell’arte sei solo tu.

Se pensi che da solo sia un poco difficile, Gianvito, il coach di Torino ma che opera in tutta Italia, ti aspetta.

Indice dei contenuti

Articoli correlati